GUASTALLA (Reggio Emilia) – Cos’è e come si attiva Spid? Come si accede al Fascicolo sanitario elettronico? E per fare un pagamento online o stampare da Internet un certificato?

Le nuove tecnologie possono semplificare davvero molto la vita, ma per tanti padroneggiarle al meglio non è semplice. Affinché siano davvero un’opportunità per tutti, tra maggio e giugno nei territori dei Comuni di Novellara, Guastalla, Boretto e Reggiolo apriranno 4 punti di facilitazione digitale fissi, nei quali un facilitatore supporterà i cittadini offrendo loro assistenza e formazione gratuita per l’accesso e l’utilizzo dei servizi online e delle tecnologie digitali (anche nei Comuni di Gualtieri, Luzzara, Poviglio Brescello saranno attivati eventi specifici).

A Guastalla il Punto di Facilitazione Digitale aprirà martedì 28 maggio alle ore 10 presso la Biblioteca Comunale di Palazzo Frattini, in piazza Garibaldi 1. L’ufficio seguirà il seguente orario di apertura al pubblico: il martedì dalle 10 alle 12,30, il mercoledì dalle 10 alle 12,30 e dalle 14,30 alle 17,  e il giovedì dalle 10 alle 12,30.

I facilitatori avranno il compito di accompagnare i cittadini in numerosi servizi quali l’utilizzo di Internet, delle tecnologie, dei dispositivi e dei servizi pubblici digitali, da quelli più generici (ad esempio, come gestire le proprie email o PEC, come fare le segnalazioni/reclami online, come prenotare online gli appuntamenti) a quelli relativi a specifiche piattaforme (ad esempio come attivare Spid – Sistema pubblico di identità digitale, il Fascicolo sanitario elettronico, come effettuare un pagamento online, come stampare i certificati anagrafici o prenotare la carta d’identità elettronica). 

Con lo slogan “C’è un Punto dove il digitale è facile” l’Unione Bassa Reggiana, ente capofila del progetto in aggregazione con i Comuni di Novellara, Guastalla, Boretto e Reggiolo e con il supporto di Open Lab srl, dà così avvio al progetto “Digitale facile in Emilia-Romagna”, a seguito dell’accordo con la Regione Emilia-Romagna per l’attuazione della misura 1.7.2 del Pnrr “Rete dei servizi di facilitazione digitale” finanziata dall’Unione europea. 

L’obiettivo è diffondere le competenze digitali tra i cittadini, favorire l’uso autonomo, consapevole e responsabile delle nuove tecnologie, promuovere il diritto di cittadinanza digitale attiva da parte di tutti, incentivare l’uso dei servizi online pubblici e privati, attraverso assistenza individuale, corsi di formazione in piccoli gruppi e progetti speciali.

Chiunque può quindi prendere un appuntamento e prenotare un incontro in uno dei punti di facilitazione più comodo, oltre a richiedere di partecipare a corsi di formazione su specifiche tematiche.