REGGIO EMILIA – Il 23 e 24 maggio scorsi, il Comitato della Dante Alighieri di Verbania è venuto in visita in territorio reggiano, di concerto con la Associazione Scrittori Reggiani e il Gruppo Ricamatrici di Felina, che hanno collaborato per l’organizzazione. Meta primaria la Pietra di Bismantova (canto IV del Purgatorio).

La giornata è stata anche l’occasione per stringere e sottoscrivere un Patto di amicizia con il Comitato della Società Dante Alighieri di Reggio Emilia e Guastalla, da parte delle due Presidenti Prof. Giovanna Iori e Prof. Silvia Magistrini. Diverse le caratteristiche che uniscono i due Comitati sottoscrittori: la bellezza e la unicità dei paesaggi e l’attenzione alla storia civile delle due città, in particolare in tema di Resistenza. Il Comitato verbanese, un gruppo nutrito di circa 30 persone, ha fatto visita sia al Museo del Tricolore di Reggio sia alla Casa Cervi di Gattatico; come a Verbania esiste il Parco della Rimembranza. Altre tappe hanno riguardato Felina, con la visita al Caseificio del Fornacione, e Marola, dove il gruppo ha partecipato ad una conferenza della Prof. Clementina Santi e del dott. Giuseppe Ligabue che hanno presentato il loro interessante libro “Dante a Bismantova”, preparando così l’escursione alla Pietra. 

Quest’ultimo percorso ha toccato anche il centro “Laudato sì” dell’Eremo, dove sono stati gustati i prodotti montani della Foresteria. I due gruppi si sono scambiati omaggi e materiale documentario/informativo sui rispettivi territori, che sarà oggetto di approfondimento in previsione di eventuali visite e scambi culturali. Tra questi, simpatico l’omaggio dei biscotti a forma di stella, ”Le stelle di Dante”, prodotti biologici artigianali realizzati in detenzione. Come Dante dalla selva oscura esce a “riveder le stelle”, così condividiamo il periodo di riscatto delle persone detenute che li hanno creati, investendo così sul loro potenziale.