Progetto per il cantiere Gattalupa

REGGIO EMILIA – Iniziano da lunedì primo luglio, con le opere di cantierizzazione nel piazzale Gattalupa e nelle vie Pascal e Allende, i lavori del progetto Re-Clacs: interventi di riqualificazione dei fronti scolastici, ovvero i luoghi antistanti e di accesso alle scuole, per una migliore sicurezza, promozione della mobilità ciclabile e pedonale, qualità e leggibilità dell’ambiente urbano.

I poli scolastici interessati sono 6. L’importo del progetto è complessivamente di 610.000 ed è finanziato dal ministero dell’Ambiente e della Sicurezza energetica attraverso il ‘Programma sperimentale nazionale di mobilità casa-scuola e casa-lavoro’, da cui il Comune di Reggio Emilia ha ottenuto le risorse.

Re-Clacs ha infatti come obiettivo incentivare gli spostamenti ricorrenti sui percorsi casa-scuola e casa-lavoro con mezzi sostenibili al fine di diminuire le emissioni inquinanti in atmosfera, attraverso la realizzazione di lavori infrastrutturali che aumentino la sicurezza e la qualità dei principali percorsi in prossimità degli ingressi dei plessi scolastici. Agli interventi materiali, il progetto associa azioni di sensibilizzazione, educazione, informazione e comunicazione rivolte al mondo della scuola e alla cittadinanza sui temi della mobilità sostenibile e delle ricadute che la scelta della modalità con cui viene svolto questo tragitto ha per ogni persona e per la città.

I lavori infrastrutturali rivolti alla mobilità casa-scuola e oggetto di questi interventi – il più rilevante dei quali è nel piazzale di accesso ai plessi scolastici e alla piscina di via Gattalupa – riguardano in particolare il ridisegno dello spazio pubblico nelle aree antistanti 17 plessi scolastici della fascia 0/19 anni, suddivisi in 6 poli scolastici e altrettante aree d’intervento:

  1. – il polo scolastico Gattalupa nel piazzale Nord di via Gattalupa sul quale si affacciano: la scuola primaria Cà Bianca, la secondaria di primo grado Einstein, il nido comunale Allende, la scuola comunale dell’Infanzia Allende, la piscina comunale De Sanctis, la palestra comunale Cà Bianca e lo Spazio 11 Martin Luther King;
  2. – la scuola primaria Ghiarda in via Ghiarda;
  3. – il polo scolastico Pascal in via Pascal a Rivalta dove si trovano: la scuola secondaria di primo grado Don Pasquino Borghi, l’istituto tecnico Scaruffi-Levi-Tricolore, l’istituto professionale Galvani-Iodi, la scuola dell’infanzia statale Arcobaleno, il nido comunale Peter Pan, la palestra comunale Rivalta Nuova, la scuola primaria Margherita Hack;
  4. – la scuola primaria Vasco Agosti, la scuola comunale dell’Infanzia Girotondo, lo Spazio 6 Kaleidos, la palestra comunale Casoli e il campo da calcio comunale San Prospero in via Allende a San Prospero Strinati;
  5. – il polo scolastico Pertini in via Medaglie d’Oro della Resistenza dove si trovano le scuole secondarie di primo grado Pertini1, Pertini2, la scuola primaria Marco Polo e le palestre comunali A e B S.M. Pertini;
  6. – la scuola primaria Besenzi a Coviolo in via Bartolo da Sassoferrato;

PIAZZALE GATTALUPA – Nell’area del piazzale Gattalupa, date le caratteristiche fisiche e la recente storia del piazzale, il progetto prevede l’intervento più importante e risolutivo. Si intende trasformare definitivamente l’area da parcheggio a piazza, con l’aumento della sicurezza e dell’attrattività attraverso l’identificazione di uno spazio esclusivamente pedonale e ciclabile multifunzionale (nuove aree per l’attesa dell’ingresso/uscita da scuola, aree per il gioco, aree per la sosta delle biciclette), un importante aumento delle aree verdi, il miglioramento dell’accessibilità per l’utenza debole e un forte incremento della riconoscibilità dello spazio pubblico e scolastico.

Si prevede la chiusura totale del piazzale Gattalupa Nord dal primo luglio al primo settembre 2024 e una riapertura parziale dal 2 settembre fino alla fine dei lavori, per consentire l’accesso pedonale alle scuole e attività che affacciano sul piazzale, nonché ai mezzi autorizzati per emergenza, manutenzione e approvvigionamento.

GLI ALTRI FRONTI SCOLASTICI – Nelle altre 5 aree prospicienti scuole, sono previsti interventi di tipo più ‘leggero’, di messa in sicurezza dei fronti scolastici, di ricucitura dei percorsi pedonali e ciclabili, di sistemazione delle fermate del trasporto scolastico al fine di aumentare lo spazio a disposizione di pedoni e ciclisti e rendere più vivibili questi spazi pubblici, allontanare le auto dai punti di accesso ai plessi ed aumentare la riconoscibilità e la percezione della presenza delle scuole anche al di fuori dei cortili delle stesse.

Per la realizzazione di questi ultimi interventi sono previste modifiche alla viabilità, segnalate sul posto e pianificate in base all’avanzamento dei lavori, per contenere i disagi alla circolazione. In particolare, viene istituito il senso unico alternato lungo i tratti di volta in volta interessati dai cantieri. Al termine delle lavorazioni giornaliere, il senso unico alternato viene rimosso e la circolazione a doppio senso consentita, seppur con una larghezza delle corsie stradali ridotta.

Sarà garantito l’accesso a tutte le aree scolastiche a partire dal primo settembre 2024. La fine dei lavori è prevista nel dicembre 2024.

Il progetto Re-Clacs viene realizzato da tecnici del Comune di Reggio Emilia. Progettazione: ingegnere Alice Panciroli con la collaborazione dei tecnici del Servizio Mobilità urbana architetto Laura Degl’Incerti Tocci e dottoressa Sara Cavazzoni; coordinatore della sicurezza in fase progettuale geometra Bohdan Beyba; direzione lavori: l’ingegnere Alice Panciroli e architetto Silvia Bizzarri quale assistente. Responsabile unico di procedimento, la dirigente del Servizio Cura della città ingegner Ursula Montanari.